giovedì 15 novembre 2018

Se sei una principessa moderna che desidera arrivare al matrimonio in carrozza devi valutare: tipologia, ingombro del vestito, ma soprattu...

Se sei una principessa moderna che desidera arrivare al matrimonio in carrozza devi valutare: tipologia, ingombro del vestito, ma soprattutto se è il mezzo giusto per te.



Anche tu sogni un matrimonio da principessa? E proprio ora che hai trovato il principe azzurro, sei disposta a rinunciare alla carrozza? 

Lo sappiamo, capita spesso…Il problema sta nell'osare e prendere la decisione finale perché un matrimonio con tanto di castello e carrozza non passa inosservato; ed ha sicuramente il difetto di venir ricordato per sempre come le favole che conosci sin da quando eri bambina. 



Ora devi solo capire se la carrozza fa per te, senza ascoltare quel fastidioso senso di colpa auto-imposto che ti fa trasalire...E che ti ha fatto già accantonare l’idea. 

In realtà prendere la decisione giusta è più semplice di quello che pensi…Devi chiudere gli occhi e immaginarti con il tuo abito da sposa sulla tua sontuosa carrozza… Come ti senti? 

Come un elefante in un negozio di cristalli




Ora se la carrozza non fa per te, se ti immagini a disagio su di essa… Diciamo che è meglio rinunciarvici subito. Se non te la senti, puoi sicuramente optare per il rombo dei motori, arrivando su una bella auto… Classica, sportiva o cabriolet. Promettici solo di non contemplare l’opzione utilitaria blu che più che un matrimonio, ricorda il portaborse di un parlamentare.

Come una moderna Cenerentola




Se invece immaginandoti con il tuo abito bianco su una bellissima carrozza, nella tua mente cinguettano persino i cavalli bianchi… Sei una sposa da carrozza. 

Secondo una ricerca statistica del 2016, la carrozza è nella top 5 delle vetture storiche più richieste nei matrimoni.

Ma attenzione a valutare:


• La location. Soprattutto per location come castelli, ville e dimore storiche, la carrozza è perfetta e andrà sempre bene sia che tu preferisca una versione chic e barocca, sia che tu desideri una versione più moderna e sofisticata.

Lo stile. La carrozza deve infatti entrare in sinfonia con gli elementi del tuo matrimonio e pertanto è consigliabile una carrozza più classica per una cerimonia tradizionale, come nella nostra Dimora degli Acaja, e più essenziale per un party moderno come nelle nostre Scuderie.

I cavalli. Di solito due, dovranno essere rigorosamente addestrati, docili e dal mantello grigio e/o bianco.



Il Cocchiere. In uniforme o in abito da cerimonia da uomo, intonato alla tipologia di carrozza, dovrà essere un guidatore esperto, in possesso di licenza e capace di gestire la guida con traino.

Numero di passeggeri. E’ preferibile che la carrozza sia il mezzo esclusivo della sposa e del suo cocchiere, o eventualmente delle sue damigelle o del padre come accompagnatore.

Impatto scenico. La carrozza si presta molto bene a servizi fotografici ed è molto coreografica anche per l’apertura o chiusura di cortometraggi dal sapore retrò.

Salita e discesa. Molte spose sono preoccupate per la salita e discesa dalla carrozza, ma non tengono conto di quanto siano facilitate dai gradini e dall'abitacolo che è generalmente molto più ampio rispetto ad una vettura (specie storica). In più, se lo desideri, di solito puoi chiedere a tuo padre di accompagnarti e sorreggerti in questo splendido viaggio.




In ultimo, ti diamo un consiglio che può aiutarti a smorzare la tensione… Se porterai con te le damigelle… Avrai man-forte durante tutto il tragitto e scegliendo una splendida vis-à -vis potrai dialogare durante il viaggio, grazie alla sua particolare carrozza che consente ai passeggeri di sedersi gli uni di fronte agli altri.



Ti ricordiamo infine che se opterai per il rito civile… La carrozza potrà accompagnarti sino all'ingresso del viale, nel parco dove si svolgerà la cerimonia, in prossimità del tappeto rosso che ti accoglierà. In più la carrozza attenderà il termine della cerimonia per accompagnare voi sposi al tour del parco, lasciando che il fotografo catturi le immagini più belle di questa splendida esperienza.



Non hai sempre sognato di iniziare così la tua favola?

Castello dei Solaro

martedì 13 novembre 2018

Oggi ti raccontiamo il matrimonio di Sabrina e Michele   Se hai sempre desiderato un matrimonio  in un Castello come nelle f...


Oggi ti raccontiamo il matrimonio di Sabrina e Michele  




Se hai sempre desiderato un matrimonio  in un Castello come nelle favole... Non puoi perderti i dettagli del matrimonio di Sabrina e Michele,  questa volta organizzato con l'aiuto della bravissima Wedding Planner Roberta Cavaliere, scelta dai nostri sposi. Una professionista con cui abbiamo avuto il piacere di collaborare e che ha realizzato un vero e proprio tripudio di dettagli.

Ecco tre cose che devi notare:


  • la scelta  fresca e poetica della palette colori (un blu chiaro abbinato al color corallo, al rosa cipria e all'avorio, con un pizzico di rame)
  • l'abbinamento azzeccato dell’eucalipto e delle piante grasse ai fiori
  • i richiami in stile geometrico che ricordano metaforicamente il Castello












Una vera e propria favola in un castello... Appunto! 



Castello dei Solaro

giovedì 8 novembre 2018

Perché coronare il tuo sogno d’amore in territorio sabaudo? Perché avrai la garanzia di aver scelto l’Italia, tra le mete preferite dalle ...

Perché coronare il tuo sogno d’amore in territorio sabaudo? Perché avrai la garanzia di aver scelto l’Italia, tra le mete preferite dalle spose di tutto il mondo, ed il Piemonte, appena incoronato “Prima Regione al mondo” dalla “Best in Travel” degli esperti Lonely Planet.  



La provincia di Cuneo con il Re di Pietra, sua Maestà il Monviso

Sposarsi è il sogno di una vita … È uno di quei traguardi importanti che siamo sicuri popolavano già i tuoi sogni di bambina. Così mentre la tua amica Licia voleva fare la veterinaria per salvare gli animali di tutto il mondo, tu indossavi il vestito da principessa, con le maniche lunghe a sbuffo, a Ferragosto… Semplicemente perché ti piaceva.

Non c’è niente di male sai? Siamo così abituati a giustificarci che ci sembra non sia giusto desiderare un matrimonio importante… Ti sembra sbagliato e hai paura di venire presa in giro? Vero? Invece te lo meriti. 



    Credits - Flavia e Daniele - Joyphotographers- Foto di Stefano Serra


Si fanno molti meno problemi gli stranieri, gli inglesi soprattutto, che secondo il rapporto Destination Wedding in Italia, realizzato dal Centro studi turistici di Firenze (CST), spendono una cifra media di circa 54.000 euro per organizzare un matrimonio.

Fra le location scelte dagli stranieri per convolare a nozze, troviamo, nella top five, il matrimonio in un castello (8,5%), mentre il rito più scelto è senz’altro il rito civile (35%).


Dati CST, Centro Studi Turistici – Destination Wedding in Italy

Anche il Piemonte compare nella top 10 delle migliori location italiane; d'altronde anche la modella Keith Corradine e Hayley Dumond, leggendario folk singer, avevano scelto di convolare a nozze nelle sale ottocentesce dell’ex tribunale di Torino.

Come dar torto a queste star hollywoodiane che hanno scelto di sposarsi in Piemonte? Con la sua eleganza ed i suoi territori incontaminati, il Piemonte è capace di offrire bellezze mozzafiato che permettono, grazie ad esempio ai suoi castelli, di organizzare un matrimonio perfetto fra antico e moderno.

Il nostro Piemonte, chiamato così perché ai piedi dei monti, sarà capace di offrire una cornice di rara bellezza al tuo matrimonio grazie alle sue vallate e le colline di Langhe-Roero-Monferrato, patrimonio UNESCO dell’umanità, ricche di vigneti, di borghi e castelli.


Che tu voglia sposarti a Torino o stia cercando location nella nostra provincia Granda, non avrai che l’imbarazzo della scelta… Per la presenza di bellissime dimore storiche, paesaggi alpini e campagne, che offrono vini pregiati e materie prime genuine che, grazie all’esperienza della cucina tradizionale, vengono trasformate in prelibatezze gastronomiche.



Scopri sul nostro sito, come concepiamo il matrimonio al Castello dei Solaro:



Un matrimonio da sogno. Da sua maestà il Barolo, ai tartufi d’Alba… Dalla magia raccontata nei romanzi di Pavese e Fenoglio… Vivrai una storia che affonda le sue radici fra salotti aristocratici e le solide tradizioni contadine fatte di na bôta stôpa (una bottiglia appena stappata) ed una merenda sinóira a base di pane caldo, prosciutto di Cuneo e la nostra toma migliore.



E a proposito di tradizioni…

Potresti anche rievocare le antiche tradizioni della comunità Walser, di origine germanica, che sbarrava la strada agli sposi attraverso una specie di steccato “ciupu” che rievocava le rivalità di borgata e che è un po’ un antenato degli scherzi di nozze di buon gusto. 

Oppure che ne dici di adottare l’idea dell’ “Arco della Sposa” tanto popolare nelle Valli di Lanzo (in provincia di Torino)? Un arco di fiori da attraversare, ma che attraverso dei nastri annodati ti impedirà il passaggio. Sarà tua suocera che dovrà districare i nodi per permetterti di passare. Un buon auspicio per una vita matrimoniale priva di ostacoli, che potrebbe rinfrescare la memoria anche alla suocera perché si sa: “La maremadòna a s’arcòrda mai ch’a l’è dcò stàita nòra.” ovvero “la suocera non si ricorda mai che è stata nuora”.

Castello dei Solaro

martedì 6 novembre 2018

Non sai come vestirti il 10 Novembre per la nostra cena medievale.... Ti aiutiamo noi! Nel tuo armadio, senza saperlo, hai già il perfetto...

Non sai come vestirti il 10 Novembre per la nostra cena medievale.... Ti aiutiamo noi! Nel tuo armadio, senza saperlo, hai già il perfetto outfit medievale! 



Tanti ci stanno chiedendo come vestirsi a tema medievale per la nostra cena storica del 10 Novembre… Ogni ospite può vestirsi come desidera perché non abbiamo imposto nessun dress-code, ma se vuoi presentarti a corte come una vera principessa d’Acaja…Continua a leggere!

 Oggi condividiamo con te qualche piccolo trucco per imparare a vestirti come una dama del Medioevo, ma senza acquistare costosi costumi fantasy che poi rimarrebbero inutilizzati nel tuo armadio.  Nel tuo guardaroba, nei negozi e nei mercati è pieno di abiti che possono fare al caso tuo…

Con un tocco di ispirazione e con i giusti abbinamenti… Sarai perfetta! 




Prima di tutto devi procurarti una gonna lunga che è un must have per qualsiasi abbigliamento a tema medievale! E’ tempo di rispolverare il gonnellone estivo che poco convinta avevi preso in quel bazar… Verde bosco, nero fumo o bianco etereo … L’importante è che tu lo renda ancor più ampio con una semplice sottoveste. Per quanto riguarda la camicia, basterà abbinarne una con lo scollo (anche arricciato) a barchetta e con maniche ampie (anche a sbuffo) che sono sicura troverai senza problemi. Non serve sia molto lunga perché come saprai il pezzo forte del tuo costume sarà il corpetto… Ora questo è un accessorio che nei negozi di costumi è sempre abbastanza caro, ma non disperare  perché potrai utilizzare un gilè, una casacca, un cinturone o acquistarne uno per meno di 8 caffè. Basta cercarlo come corsetto stringivita su Amazon. Se non hai messo il gilè, puoi appoggiare uno scialle sulle spalle.



Se ti senti invece più guerriera che principessa… Puoi anche optare per un paio di leggings di pelle, un paio di stivali comodi e un camicione ampio con una casacca aperta ed una bella borsa vintage. Se hai una mantella potrai abbinarla… Anche se ti consigliamo di toglierla per la cena in cui ti ricordiamo dovrai mangiare con le mani!


Ed ora che tu sia principessa o guerriera, veniamo alla parte più divertente… Rispolvera i gioielli vintage della mamma, magari un anello in argento con una pietra importante o avvolgi una collana con un pendente sui capelli...Sarà perfetto come diadema.



Per quanto riguarda i capelli, le acconciature medievali sono prevalentemente raccolti elaborati. Devi sapere infatti che i capelli sciolti erano talmente seducenti da essere considerati diabolici… Per cui le donne fidanzate o sposate non se li potevano più permettere!






Buon per te…Non avrai che l’imbarazzo della scelta fra tutte le meravigliose acconciature femminili che scoprirai in quest’occasione e che potrai riutilizzare (senza fiori e nastri) anche nella vita di tutti i giorni!



------------------------------

Tutte le info per vivere una serata medievale al Castello dei Solaro


Orari:  Sabato 10 Novembre h 2030
Prezzo: 50€ a persona tutto incluso 
Ecco le cibarie previste: Menù Medievale al Castello dei Solaro
Ulteriori informazioni: Scrivere a info@castellodeisolaro.it 

Scopri di più sulla cucina dell'epoca in questo articolo dedicato del nostro blog.

------------------------------


Credits: Si ringrazia per la foto Vestire le miniature: la Fondazione Museo del Tesoro del Duomo e Archivio Capitolare di Vercelli


venerdì 2 novembre 2018

Siamo tra le poche dimore storiche selezionate per il nuovo video istituzionale di Residenze d'Epoca Sicuramente, se ci stai l...

Siamo tra le poche dimore storiche selezionate per il nuovo video istituzionale di Residenze d'Epoca



Sicuramente, se ci stai leggendo, sai che il nostro Castello, come dice Wikipedia, è una dimora antica del 1200 che ha fatto parte della storia italiana più importante … Ma forse non sai che è stato fortilizio medievale dei Principi d’Acaja fino al 1601, anno di stipula del Trattato di Lione, oppure che è stato addirittura proprietà dei futuri Re d’Italia “I Savoia” o ancora che venne ceduto come feudo ai nobili Solaro, una famiglia dell’aristocrazia sabauda di origine astigiana, da cui prende il nome la nostra Villanova Solaro.

Un passato così ricco che è difficile da dimenticare e che piace a chi, come te, cerca qualcosa di più che una semplice location da matrimonio. E convieni con me che festeggiare il proprio banchetto proprio dove lo facevano i nobili Principi d’Acaja, non capita tutti i giorni e non è tantomeno scontato. Anzi sicuramente una scelta coraggiosa e intraprendente di chi sa quello che vuole e non si accontenta sino a quando non l’ha raggiunto.

E, a dirla tutta, dovresti anche ringraziare l’abate Giovanni Bartolomeo Solaro che decise di rendere più leggiadro il castello abbattendone 2 torri e dotandolo di un bellissimo parco ed un viale di tigli secolari. 

Ed è proprio il fascino del castello, pieno di storia e di personaggi illustri ed innovatori, che ci ha permesso di entrare a far parte di Residenze d’Epoca. 

RE è un circuito che certifica, attraverso più di 100 Controlli di Qualità, solo le migliori dimore storiche italiane. Oltre che essere un dato di fatto, è una vera e propria garanzia: “le migliori dimore storiche sono su Residenze d’Epoca”.

Ne avevamo parlato QUI ad Aprile 2018 quando avevamo ricevuto il loro Certificato di Qualità.
Capirai bene, quindi, quanto ci abbia fatto piacere ricevere un altro attestato di stima ed esclusività da parte di Residenze D’Epoca… Infatti la direzione di Residenze D’Epoca ha voluto includere il Castello dei Solaro addirittura nel suo video istituzionale, a far da sfondo sulla frase “nelle dimore storiche più belle del mondo”.


Ecco l'immagine scelta per il momento (minuto 00:01:02)  in cui il Castello dei Solaro compare all'interno di pochissime e selezionate immagini di dimore storiche. Guarda il video istituzionale di Residenze D'epoca dove compare il Castello dei Solaro:

Un grande riconoscimento che siamo lieti di condividere con chi, come te, ha già capito quanto sia importante essere esigenti quando si tratta di sposarsi in una dimora antica. Perché la tranquillità di sposarsi in una location d’eccellenza può trasformare il tuo matrimonio in un evento magico e memorabile, ma bisogna considerare anche l’esperienza e la capacità di gestire imprevisti straordinari.

Proprio per questo la certificazione di un portale che dal 1999 lavora per te e seleziona anche questi aspetti … Ti dà la certezza assoluta che stai scegliendo una location di livello superiore. 

Ed in tema di scelta location, anche un illustre scrittore decise che avrebbe affidato il suo giorno più prezioso al Castello dei Solaro.

Infatti fu il patriota italiano Silvio Pellico che, dopo la prigionia dello Spielberg, scelse la nostra location per leggere alla contessa Eufrasia, ultima discendente della famiglia Solaro di Villanova, un’anteprima de “Le mie prigioni”. 

Finalmente, nel 1831, avrebbe rivelato per la prima volta le condizioni durissime del suo regime carcerario e ci auguriamo che il successo che avrebbe avuto da lì a breve, possa aver almeno un po’ ritemprato il suo animo straziato dalla fortezza austro-ungarica di Brno. 

Siamo sicuri che anche le nostre campagne cuneesi, dove la contessa lo aveva invitato in vacanza, lo avessero aiutato a decidere di correre all’azione e pubblicare la sua inestimabile opera.

Per fortuna ancora oggi, come allora, c’è chi trae ispirazione dalle meraviglie naturali, gastronomiche e culturali che il nostro Piemonte ci offre.

D’altronde è anche stato appena stato incoronato “Prima Regione al mondo” nella nuova edizione della guida “Best in Travel”, a cura degli esperti viaggiatori della Lonely Planet. (Ottobre 2018)


Monviso al tramonto. Al primo posto della Best in Travel 2018, come detto, c’è il Piemonte. Segue Catskills negli Stati Uniti, al terzo il Nord del Perú, al quarto Red Centre in Australia, al quinto le Highlands e le isole della Scozia, al sesto l’Estremo Oriente russo, al settimo il Gujarat in India, all’ottavo Manitoba in Canada, al nono la Normandia e infine la cilena Valle del Elqui. 

Castello dei Solaro

 
Copyright © - Privacy - Cookies
CASTELLO DEI SOLARO SNC
Via Vitale, 4 - 12030 Villanova Solaro (CN) P.IVA/CF 02490740046
Copywriter: AmicaWeb
Realizzato da: OneBit Soluzioni Informatiche